pexels-photo-256262

L’agricoltura è un mestiere per giovani. L’esperienza dell’Università di Napoli a Festambiente Agricoltura

L’obiettivo generale del progetto Biosensori piezoelettrici per applicazioni ambientali e agro-alimentari è lo studio, la messa a punto e la realizzazione fino al livello prototipale di biosensori destinati alla rivelazione di sostanze di interesse per il controllo ambientale e della sicurezza agro-alimentare. I membri della partnership, infatti, oltre all’indirizzamento ed allo sviluppo di questioni “verticali” scientifiche e tecnologiche, sono fortemente interessati ai risultati della ricerca applicata allo scopo di utilizzare i sistemi messi a punto per migliorare la qualità e la sicurezza del cittadino e ridurre i rischi ambientali ed agro-alimentari in Italia, in Europa, ma con prospettive anche nei paesi di recente sviluppo dove ai vantaggi della globalizzazione hanno spesso corrisposto rischi per l’ambiente e per la salute dei cittadini.

Il programma si propone perciò anche l’obiettivo di sviluppare e testare i prototipi di biosensori in differenti matrici ambientali. Alla realizzazione di questi prodotti si sta lavorando anche attraverso il rientro di ricercatori italiani impegnati all’estero per il fenomeno della cosiddetta fuga di cervelli. Data la qualità della ricerca proposta e per il rilevante interesse commerciale si determineranno buone prospettive occupazionali sia per i ricercatori rientrati che per il personale giovane che sarà coinvolto nel progetto.

Proprio la ricerca scientifica applicata all’agricoltura sarà tra i temi trattati nel convegno “L’agricoltura è un mestiere per giovani”, promosso da Legambiente Campania nell’ambito di Festambiente Agricoltura, in programma sabato 20 maggio 2017, alle ore 17, presso  l’Azienda Agricola Regionale Sperimentale Improsta di Eboli.

 

 Scarica il programma completo

Posted in News.